Il cinema estivo nei giardini di piazza Vittorio

roma___10__12_004

di ANTONIO CARBONE

I ragazzi cinesi che giocano a basket, i gruppi di adulti che la mattina fanno tai chi. Gli anziani italiani con le badanti rumene sedute sulle panchine, le mamme con i figli, gli ambulanti bengalesi, i magrebini  senza una casa e senza un lavoro… A qualsiasi ora del giorno ti trovi a passarci ti rendi subito conto di essere in presenza di un luogo concretamente connesso. Metropolitano e agreste allo stesso. In cui, seppur tra mille contraddizioni, la coesistenza è una necessità quotidiana per quanto non c’è modo di vivere da soli o strettamente vincolati al proprio gruppo. Ma piazza Vittorio, cuore pulsante del quartiere Esquilino, è ancora al centro delle polemiche. Per domani, venerdì 11 maggio, alle 17,30 è prevista infatti una manifestazion per salvare i giardini dal progetto del Comune di riqualificazione che tra l’altro metterebbe a rischio anche lo svolgimento della rassegna estiva del cinema.

Moltissimi residenti e associazioni si sono opposti con decisone al progetto fin da quando nel gennaio scorso fu presentato dal Dipartimento Sviluppo infrastrutture e Manutenzione urbana del Comune di Roma per un costo da oltre 2 milioni che prevede tra l’altro il rifacimento totale dei giardini. Le ragioni addotte sembrano dettate per lo più dal buon senso. Secondo costoro non c’è bisogno, infatti, di spendere tutti questi soldi. Basterebbero degli interventi di manutenzione mirati soprattutto alla sistemazione dei marciapiedi e all’ illuminazione pubblica. Così come all’ampliamento delle aree verdi. Per questo motivo hanno avviato a una petizione che ha già raccolto numerose adesioni e domani, appunto, hanno dato appuntamento a tutti i  residenti  e non solo, per dimostrare quanto questa piazza sia viva e rappresenti un vero laboratorio sociale.